Papavero

Papavero

Pianta annuale a radice fittonante, fibrosa e biancastra. Il fusto (50-70 cm) cilindrico, ramoso, eretto e fragile è coperto di peli rigidi. Le foglie villose, alterne, presentano una profonda divisione in segmenti stretti, allungati, acuti e dentati. Sono di colore verde più o meno scuro, talvolta giallastre. I fiori sono grandi, di un bel rosso acceso. All’estremità del ramo, da maggio a settembre, fiorisce un solo fiore. Il frutto è una capsula di forma ovoidale e conica che contiene numerosi semini marroni.

Nome latino

Papaver rhoeas L

Origine

Africa settentrionale, Eurasia

Parte utilizzata

La pianta fiorita

Principi attivi

Alcaloidi (readina, tebaina, protopina): hanno un effetto calmante e sedativo.
Flavonoidi: antiossidanti.
Antociani: antiossidante responsabile del colore acceso dei petali.
Mucillagine: proprietà emollienti.

Uso

Nel mondo anglosassone, il papavero simboleggia il ricordo dei soldati caduti nella Prima Guerra Mondiale.
Le foglie tenere, prima della fioritura, possono essere mangiate crude, ad esempio in insalata. Hanno un gusto simile ai cetrioli con un sapore di nocciola. Possono anche essere consumate cotte, come gli spinaci, per esempio, con scalogno fritto e panna. I petali rossi possono essere utilizzati come decorazione commestibile e per preparare un liquore. I giovani frutti verdi sono deliziosi. Dai semi spremuti si ricava un olio commestibile, un eccellente sostituto dell’olio d’oliva, che può essere utilizzato nel pinzimonio o per cuocere i cibi. I semi sono inoltre utilizzati in pasticceria (i semi di papavero).
Per il loro contenuto di antociani, dai petali si ricava un inchiostro rosso vegetale.
Il papavero calma le irritazioni della gola e la tosse. È un ingrediente bechico presente delle pastiglie da succhiare o negli sciroppi.
Da lungo tempo le virtù dei fiori di papavero sono apprezzate in campo medicinale. I fiori e i petali, come analgesici, emollienti, espettoranti, ipnotici e sedativi. In passato, venivano utilizzati nella pappa dei bambini per aiutarli ad addormentarsi.
L’effetto sedativo è stato dimostrato scientificamente. 1

Referenze bibliografiche

Le indicazioni sulla salute relative alle piante contenute nei nostri prodotti che compaiono nel nostro sito sono conformi all’elenco delle indicazioni sulla salute in attesa di valutazione definitiva da parte delle autorità della Comunità europea (cfr. Sito della Commissione europea: http://ec.europa.eu/nuhclaims/). Possono tuttavia essere soggette a modifica dopo essere state esaminate dalle autorità nazionali competenti.

Le indicazioni sulla salute relative alle altre sostante nutrienti o sostanze contenute nei nostri prodotti che compaiono nel nostro sito sono conformi al regolamento n.° 432/2012 della Commissione europea del 16 maggio 2012 relativo alla compilazione di un elenco di indicazioni sulla salute consentite sui prodotti alimentari, diverse da quelle facenti riferimento alla riduzione dei rischi di malattia e allo sviluppo e alla salute dei bambini (cfr. sito della Commissione europea : http://ec.europa.eu/nuhclaims/).