Timo Satureioide

Timo Satureioide

Piccolo arbusto di 10 - 30 cm, perenne – Molto aromatico – Gambo legnoso tortuoso, rami ascendenti – Foglia piccola, opposta, lanceolata o lineare, arrotolata sui margini – Fiori rosa o biancastri, bilabiati da 1/2 cm, raggruppati in glomeruli che formano una specie di spiga più o meno chiusa

Nome latino

Thymus satureioides Cosson

Origine

Questo timo, originario dell’Africa settentrionale, cresce su terreni sassosi, pietrosi e piuttosto secchi.

Parte utilizzata

Le parti aeree della pianta.

Principi attivi

Olio essenziale (borneolo, carvacrolo, timolo): grazie al suo tenore di borneolo, inibisce i mediatori infiammatori.
Flavonoidi: sostanze antiossidanti che, nel caso del timo, hanno anche un effetto antispasmodico.
Tannini: hanno una funzione astringente e favoriscono le proprietà antisettiche.

Uso

Il timo satureioide è una pianta utilizzata soprattutto nella medicina tradizionale marocchina: per la tosse, la bronchite, i reumatismi e le infiammazioni in generale.
Per la sua specifica composizione, questo olio essenziale è impiegato soprattutto per uso esterno ed ha un notevole effetto analgesico 1,2 e un’azione antibatterica ad ampio spettro. 3-5

Referenze bibliografiche

Le indicazioni sulla salute relative alle piante contenute nei nostri prodotti che compaiono nel nostro sito sono conformi all’elenco delle indicazioni sulla salute in attesa di valutazione definitiva da parte delle autorità della Comunità europea (cfr. Sito della Commissione europea: http://ec.europa.eu/nuhclaims/). Possono tuttavia essere soggette a modifica dopo essere state esaminate dalle autorità nazionali competenti.

Le indicazioni sulla salute relative alle altre sostante nutrienti o sostanze contenute nei nostri prodotti che compaiono nel nostro sito sono conformi al regolamento n.° 432/2012 della Commissione europea del 16 maggio 2012 relativo alla compilazione di un elenco di indicazioni sulla salute consentite sui prodotti alimentari, diverse da quelle facenti riferimento alla riduzione dei rischi di malattia e allo sviluppo e alla salute dei bambini (cfr. sito della Commissione europea : http://ec.europa.eu/nuhclaims/).